Domande Frequenti

Il tasso di cambio EURO / LEK albanesi di riferimento per il 1° Bando di selezione dei progetti IADSA II, è quello indicato dalla Banca di Albania nel giorno di pubblicazione del Bando (31 ottobre 2019), pari a 1 EURO = 123,25 LEK albanesi

Gli obiettivi e gli ambiti prioritari sono quelli del Programma IADSA e pertanto saranno quelli di riferimento anche per tutti i prossimi bandi. Gli obiettivi specifici saranno indicati per ciascun bando relativamente agli obiettivi generali ed ambiti prioritari dello IADSA e alla Strategia nazionale di sviluppo ed integrazione della Repubblica di Albania nel quadro del Programma bilaterale di cooperazione Italia-Albania

Si prevede indicativamente la pubblicazione di un bando per anno nel corso dei cinque anni (2019-2024) di durata del Programma fino ad impegnare tutti i 20 milioni di Euro previsti dall’Accordo bilaterale sulla Conversione del debito.

Solo se si tratta di interventi inequivocabilmente funzionali al raggiungimento di uno o più obiettivi specifici del Bando di selezione dei progetti (cfr. paragrafo 2.2. delle “Guidelines of the Call for Proposals”) e che rispondono ai criteri definiti nella strategia dello IADSA come illustrata al paragrafo 2.3. delle “Guidelines of the Call for Proposals” (rilevanza, efficacia e sostenibilità)

No, le attività proposte devono garantire la sostenibilità degli stessi servizi nel medio e lungo periodo, anche quando il progetto sarà terminato. E’ possibile sostenere un servizio nella sua fase iniziale di organizzazione e di formazione del personale che però, a termine del progetto, sarà interamente a carico dell’ente albanese preposto. E’ altresì possibile sostenere il potenziamento e/o miglioramento di un servizio già erogato dagli enti pubblici

No, qualsiasi partner eleggibile può concorrere come partner solo in una proposta di progetto nell'ambito dello stesso bando

I beneficiari sono costituiti dalle istituzioni e/o dagli enti pubblici albanesi, ivi comprese le amministrazioni locali e i centri di servizio (ad esempio i centri sociali, quelli sanitari, le scuole, ecc.), le comunità locali che beneficeranno del finanziamento dello IADSA. I “target group” sono i soggetti e/o i gruppi di popolazione sui quali il progetto proposto avrà una ricaduta diretta in termini di migliori condizioni di vita. Sono beneficiari indiretti tutti quei soggetti e/o istituzioni/organizzazioni non coinvolti direttamente nel progetto ma che dalla sua realizzazione ne trarranno comunque un beneficio

No, possono essere soggetti a finanziamento solo quei finanziamenti a dono “una tantum” (matching grant) finalizzati a contribuire al raggiungimento degli obiettivi fatta salva la necessità di monitorare attentamente il loro effettivo ed efficace utilizzo da parte dei gruppi target

No, lo IADSA II può anche interamente finanziare il totale dei costi eleggibili del Progetto proposto (al 100%), sebbene il Comitato di Gestione dello IADSA incoraggi la condivisione dei costi del progetto da parte del proponente o dei suoi partner (si confrontino al riguardo le “Guidelines of the Call for Proposals”. Coerentemente, l’eventuale co-finanziamento sarà positivamente valutato come indicato nella Griglia di valutazione ("Section 2 - Relevance of the Project") riportata nelle medesime "Guidelines". Il co-finanziamento può essere anche sotto forma di contributo "in kind" come definito nelle "Guidelines"

Nell’Allegato D, i costi relativi a ciascuna attività nello specifico devono essere dettagliati e listati al capitolo di bilancio 4. “Activities of the project”. Ogni attività dovrà prevedere le distinte voci di spesa come necessarie all’attività medesima. Mentre invece quelle risorse umane e i costi ad esse associati e quegli equipaggiamenti necessari a più attività e/o comunque funzionali alla realizzazione del progetto nel suo complesso, andranno rispettivamente indicati ai capitoli di bilancio da 1. a 3.e 4.

Gli “overhead costs” possono coprire anche i costi relativi a personale specificatamente impiegato dal partner per il monitoraggio del progetto proposto nonché per assicurare una partnership efficace durante l’intera durata del progetto proposto. Le retribuzioni non si devono discostare da quelle normalmente sostenute dal partner per proprio personale e possono essere incluse tra gli “overheads” anche in termini percentuali, sulla base dell’effettivo carico di lavoro svolto dal personale impiegato in relazione al progetto proposto. Come indicato al paragrafo 3.1.4. “Eligible indirect costs (overheads)” delle “Guidelines of the 1st Call for Proposals” i costi imputabili a questa voce non possono superare il 5% del totale dei costi eleggibili e possono essere previsti solo in relazione ad attività effettivamente realizzate da partner diversi da istituzioni pubbliche albanesi. Inoltre, anche le spese sostenute all’interno degli “overheads” devono essere rendicontate e devono essere prodotti i giustificativi di spesa in originale.

La “Grant Application Form” e i suoi Allegati devono essere compilati in INGLESE e presentati in un dossier originale e due copie cartacee in formato A4, ognuno rilegato. I documenti da prodursi da parte del richiedente (elencati nell’Allegato G) e quelli da parte del/dei partner (elencati nell’Allegato H) possono essere allegati nella loro lingua originale. La “Grant Application Form”, il Budget e il Piano d’Azione debitamente compilati devono essere presentati anche in formato elettronico (su un CD-Rom oppure dispositivo USB).

Le domande complete di “Grant Application Form” e di tutti gli allegati richiesti devono pervenire presso l’Ufficio della TSU a Tirana entro e non oltre le ore 12.00 (mezzogiorno) di 31 gennaio 2020. Le domande incomplete o pervenute in ritardo, saranno automaticamente escluse. Si prega di verificare quanto specificatamente previsto al paragrafo 3.2.2. e 3.2.3. delle “Guidelines of the Call for Proposals”.